Indennizzo dell'agente commerciale in caso di interruzione durante il periodo di prova

February 17, 2019

 

 

La risoluzione del contratto dell'agente commerciale durante il periodo di prova non impedisce il pagamento di un'indennità compensativa, nonostante qualsiasi clausola contraria.


La risoluzione del contratto dell'agente commerciale dà diritto all'agente, indipendentemente da eventuali clausole contrarie, al risarcimento per la perdita subita, anche se l'interruzione si verifica durante il periodo di prova. Questo è quanto la Corte di cassazione ha appena giudicato in una sentenza del 23 gennaio 2019 rilasciata con l'approvazione dell'articolo L. 134-12 del codice di commercio, come interpretato alla luce dell'articolo 17 del codice commerciale francese. Direttiva 86/653 / CEE del Consiglio, del 18 dicembre 1986, relativa al coordinamento delle legislazioni degli Stati membri relative agli agenti commerciali indipendenti.


È noto che l'agente commerciale ha diritto al risarcimento del danno subito, in caso di cessazione dei suoi rapporti con l'obbligato principale, ma che perde il diritto al risarcimento se non ha notificato il preponente, entro un anno dopo la risoluzione del contratto, che intende far valere i propri diritti (C. Com., art L. 134-12).


Minore certezza tuttavia sul pagamento di tale indennizzo in caso di risoluzione del contratto durante il periodo di prova.

 

 

Una violazione del contratto di agenzia durante il periodo di prova


In questo caso, una società aveva contratto con un agente commerciale e aveva rotto il contratto durante il periodo di prova per il mancato raggiungimento degli obiettivi. Sulla base di una disposizione contrattuale che prevedeva un periodo di prova di 12 mesi dopo il quale il contratto era considerato di durata indeterminata, con l'opzione per ciascuna delle parti di risolverlo durante questo periodo, con preavviso, ha ritenuto che l'indennità compensativa non era dovuta.
L'agente che non l'ha ascoltato in tal modo, ha chiesto il pagamento di un risarcimento per il danno risultante dalla cessazione dei rapporti e dei danni per rottura abusiva. Interrotto in appello, l'appello dell'agente ha indotto la Corte di Cassazione a mettere in discussione la sua giurisprudenza che priva l'agente commerciale di compensazione quando l'interruzione si verifica durante il periodo di prova.

 

Una sentenza della Corte di giustizia del 19 aprile 2018 contro la giurisprudenza della Corte di Cassazione


Con sentenza del 6 dicembre 2016, la Corte di cassazione (Cass.Com., 6 dicembre 2016, n. 15-14.212) ha pertanto sottoposto alla CGUE una domanda preliminare sull'applicazione dell'articolo 17 del la suddetta direttiva, relativa all'indennizzo dovuto al membro del personale dopo la risoluzione del contratto, quando la risoluzione del contratto si verifica durante il periodo di prova.


Nella sua sentenza del 19 aprile 2018, la CGUE ha stabilito che "l'articolo 17 deve essere interpretato nel senso che i regimi di compensazione e riparazione previsti dall'articolo 2, paragrafi 2 e 3, rispettivamente, di cessazione del contratto di agenzia commerciale, sono applicabili quando questa cessazione avviene durante il periodo di prova che questo contratto stipula "(CJEU, 19 aprile 2018, causa C-645/16). L'avvocato generale ha dichiarato che, ai sensi dell'art. 17, nn. 1 e 3, della direttiva 86/653, il diritto all'indennizzo o alla compensazione di un agente commerciale è subordinato alla cessazione rapporto contrattuale con l'obbligato principale e che tale rapporto esiste dal momento in cui un contratto è stato concluso, indipendentemente dal fatto che il contratto sia soggetto a un periodo di prova. Per la Corte di cassazione, al contrario, l'agente commerciale non aveva diritto al risarcimento in caso di violazione del contratto di agenzia commerciale durante il periodo di prova, poiché, durante questo periodo, il contratto di agenzia non era ancora definitivamente concluso.


Per quanto riguarda l'indennità, l'avvocato generale ha dichiarato che ciò è dovuto in particolare se l'agente commerciale ha introdotto nuovi clienti nell'obbligato principale o ha sostanzialmente aumentato le operazioni con i clienti esistenti e se il capitale continua a beneficiare di vantaggi sostanziali derivanti dalle transazioni con questi clienti. Infatti, "i sistemi di indennizzo e di compensazione non sono intesi a penalizzare la violazione del contratto, ma a compensare l'agente commerciale per prestazioni passate di cui il preponente continua a beneficiare al di là della cessazione dei rapporti contrattuali o di i costi e le spese da lui sostenuti ai fini di tali prestazioni, e pertanto l'agente non può essere privato dell'indennità o dell'indennizzo semplicemente perché la rescissione del contratto di agenzia commerciale si è verificata durante il periodo "test, se sono soddisfatte le condizioni di cui all'articolo 17, paragrafi 2 e 3".

 


Pertanto, anche con un periodo di prova, il contratto di agenzia commerciale è in vigore dal primo giorno.

Please reload

Featured Posts

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Recent Posts
Please reload

Archive
Please reload

Search By Tags